Vai al contenuto

Perché non devi lavare la carne prima di cuocerla

Abbiamo già parlato dell’importanza di cuocere la carne in uno dei nostri articoli (se te lo sei perso, leggi “Malattia dell’hamburger: nome buffo, sintomi gravi“) oggi invece ti parliamo di quelle operazioni preliminari che si eseguono prima di cucinare la carne e il brutto vizio che alcune persone hanno di lavare la carne (anche quella di pesce).

A volte i nonni non hanno ragione

La pratica di lavare la carne prima di cuocerla era molto utilizzata in passato, quindi potresti aver visto questa scena molte volte in cucina dei tuoi nonni, ma è sbagliata. Quest’usanza veniva fatta con la selvaggina, che notoriamente ha un odore molto più marcato rispetto alla carne di allevamento, in modo da attenuare l’odore caratteristico di questa carne.

Oggi sappiamo che non è il modo migliore per proteggersi dalle intossicazioni alimentari ma anzi, può addirittura aumentare il rischio di malattie!

Perché è sbagliato lavare la carne?

Quando si lava la carne, compreso il pesce, stiamo in realtà espandendo in tutta la nostra cucina i batteri che potrebbero esserci nella carne. Di conseguenza tutto ciò che è venuto a contatto con l’acqua che ha lavato la carne è contaminato, quindi parliamo di lavabo, stoviglie, piatti, strofinacci, senza contare che anche le nostre mani se non adeguatamente lavate porteranno in giro i batteri della carne.

Ciò che fai è solamente controproducente, perché non solo non rimuovi i batteri, ma rischi di contaminare tutte le superfici!

Cinque consigli per evitare i batteri in cucina

  1. Coprire la carne cruda prima di riporla in frigorifero e lavare tutti gli utensili che sono stati a contatto con questa.
  2. Quando si scongela la carne, pesce compreso, metterla in frigorifero e non a temperatura ambiente. Una volta scongelata la carne, mangiarla subito.
  3. Cuocere la carne ad alte temperature (almeno 70 gradi) per 1-2 minuti, solamente in questo modo si possono eliminare i batteri.
  4. Cambiare spesso le spugne e gli strofinacci utilizzati in cucina, oppure lavarli frequentemente.
  5. L’odore del pesce crudo andato a male ricorda molto quello dell’ammoniaca, perciò se sentite questo odore buttate subito la carne.

Per questi e altri articoli riguardanti la sicurezza alimentare seguiteci sui nostri profili social e sul sito di Vet’s Pills!